E poi, un giorno, Airbnb ti chiude l’account

E poi un giorno, trovi la porta chiusa…

Airbnb è sicuramente al momento il miglior sito di prenotazioni al mondo.
Per molte persone è stata una vera svolta che ha permesso loro di crearsi un’attività dal nulla grazie a una piattaforma comoda e potente.

Ma occhio: essere presenti solo in Airbnb è rischioso.

Lo ha imparato sulla propria pelle questo ragazzo americano a Bangkok: Superhost Airbnb, 700 clienti in due anni, speaker di molti eventi di Airbnb e persino invitato all’Airbnb Open a Parigi con tanto di biglietto e alloggio pagati da Airbnb.

Lo hanno buttato fuori da Airbnb.

Una telefonata dal manager locale,  una mail con un bel “non siamo obbligati a darti alcuna spiegazione” e ciao.

Boom, fuori. Scomunicato. Fuori dal paradiso.
Tutte le prenotazioni future cancellate e decine di migliaia di Euro di guadagni futuri buttati al vento.

Ora, non si conoscono le motivazioni, ma spero per lui che gli riaprano l’account.

E’ anche possibile Airbnb abbia dei buoni motivi per chiudergli l’account e non è tenuto a spiegarli.

Però secondo me non importa se la decisione sia giustificata o meno, il fatto è che è capitato.
E se capita a un Superhost al quale Airbnb paga persino il viaggio a Parigi può capitare anche a te.

Quello che voglio dire è che non sei al sicuro se sei presente solo in un sito di prenotazioni.
Non è un problema di Airbnb.
Se sei presente solo in Booking.com o solo in Homeaway è la stessa cosa.
Basta che per qualsiasi motivo decidano di chiuderti l’account e sei a piedi.

E se hai avuto a che fare con questi siti sai che è possibile.
Sei solo un account tra tanti dopo tutto.

Se succede, poi non é che apri account in altri siti e fioccano le prenotazioni.
Devi crearti una nuova credibilità con le recensioni, abbassare i prezzi e sperare di ricevere qualche prenotazione.

Ma basta anche meno, delle brutte recensioni per esempio.
Cosa fai se  ti arrivano due o tre clienti “pazzi” di fila e ti lasciano delle brutte recensioni?
I cliente “pazzo” capita a tutti, no?
Se poi hai un problema oggettivo (tipo, non va internet) e ti trovi in casa Mister Quello-Che-Non-Perdona  che dice “Dovevi avere una linea di scorta, io in ferie senza Facebook non ci posso stare”, cosa fai?

Quindi, il mio consiglio è di essere presenti in più siti anche se poi Airbnb resta quello principale.
Qui do’ una veloce panoramica delle alternative.

Aggiornamento 21 Agosto

Ho appena parlato in Skype con Kelly, il ragazzo scomunicato, a Bangkok.
Non ha ricevuto ulteriori risposte da Airbnb da parecchi giorni.
Gli ho spiegato un po’ come funzionano gli altri portali e ora inizierà a caricare gli alloggi in qualche altro portale.
In bocca al lupo Kelly!

Aggiornamento 28 Agosto

Kelly dice di non aver ancora ricevuto nessuna risposta.

 

Noi lo facciamo come servizio, quindi se non hai voglia di imparare ad usare altri dieci siti, scrivici che ne parliamo.

 

 

2 thoughts on “E poi, un giorno, Airbnb ti chiude l’account”

  1. Purtroppo E’ successo anche a noi e sta succedendo a tantissime altre persone. Da un momento all’altro senza nessun motivo Airbnb ti cancella l’account!!!

Leave a Reply to Stella Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.