Le planimetrie in 3D servono davvero?

Ho sempre dato per scontato che creare delle belle planimetrie in 3D fosse utile.

Ma quando recentemente un proprietario ci ha detto

“Il rendering 3D è più adatto alla vendita di un edificio in costruzione, sicuramente utile a capire il layout dell’alloggio, ma di pessimo impatto”

mi è venuto un dubbio.

E se avesse ragione? Tutto quel tempo e quei soldi spesi per le planimetrie…sprecati?

Avevamo ovviamente chiesto ai proprietari cosa ne pensavano e ci hanno tutti detto sempre che secondo loro sono utili.

Ma ai clienti, quelli che in teoria le guardano per scegliere un appartamento, non abbiamo mai chiesto.

E se davvero hanno un brutto impatto?
Stiamo perdendo prenotazioni a causa di queste benedette planimetrie in 3D?
Allora abbiamo scritto a un po’ di clienti che hanno prenotato di recente, chiedendo:

Vi è servita la planimetria in 3D? Vi ha aiutati a “capire” l’appartamento?’.

Ecco alcune delle risposte più interessanti seguite dalle planimetrie degli appartamenti dove sono stati:

  • “Non solo la planimetria ma anche le fotografie ci hanno aiutato a capire l’appartamento, la sua localizzazione e la zona in generale. Le vostre foto erano ben selezionate e la planimetria ha reso più facile immaginarsi come ci saremmo distribuiti nell’appartamento.”

 

  • “Se devo essere onesta ciò che cerco in un appartamento sono l’atmosfera personale, la pulizia, l’ordine e la posizione. La planimetria non mi dice nulla di tutto ciò, quindi mi baso soprattutto sulle foto e sulle recensioni”

  • “Si, molto utile. Ci ha fatto pensare che siate molto attenti al dettaglio e che fate uno sforzo in più per i clienti”

  • “Si, ci è piaciuta la planimetria che ci ha aiutato a decidere se saremmo stati in grado di ospitare i nostri amici per un paio di giorni”

  • “Devo dire che a noi la planimetria 3D è servita molto perché da veramente un’idea precisa di come sono messi gli spazi. Abbiamo entrambi apprezzato il fatto di vederla perchè non se ne trovano molte così e ci ha dato l’ottima impressione che tu ti sia dato molta pena per descrivere bene l’ambiente. E’ stata utile anche la foto con la freccia per capire quale era la casa…”

piano terra
primo piano

Quindi, per fortuna, il responso è in genere positivo, e continueremo a crearle.

E dato che ci possiamo permettere il “lusso” di dedicarci solo alla presentazione degli appartamenti e non all’accoglienza dei clienti, spesso abbiamo idee nuove su come migliorare i listing.

Il nostro scopo infatti è dare al cliente tutti gli elementi per decidere se prenotare o meno, senza dover chiedere.
Calendari aggiornati e prezzi giusti sono solo l’inizio.

 

Una chicca di questa calda estate?
Ci hanno chiesto molte volte in che stanze si trova  esattamente l’aria condizionata.
Evidentemente non basta più scrivere:
“Aria condizionata: si”.
E i clienti hanno ragione. In effetti potrebbe essere un semplice Pinguino o potrebbe esserci solo un unità in corridoio, costringendo tutti a dormire con la porta aperta.

Quindi d’ora in poi oltre a segnalare esattamente in che stanze sono le unità interne dell’aria condizionata, stiamo attenti che si vedano anche nelle foto.

Lo sappiamo tutti che alle foto ci credono, ai testi (sempre se li leggono) non troppo.

E ormai abbiamo imparato che a volte una domanda in meno è una prenotazione in più.

 

Interessante? Scopri cos’altro facciamo!

 

1 thought on “Le planimetrie in 3D servono davvero?”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.